ASSOCIAZIONE AMICI DEL MUSEO PEPOLI  -  Trapani

 

                                          E…state al Museo

con gli Amici del Museo Pepoli

Animazioni, giochi, visite, laboratori d’arte e tanto altro…


Dal 18 giugno al 31 luglio, un percorso tematico al giorno che sarà sviluppato in modo diverso secondo le età dei partecipanti.

Un'occasione per avvicinare i giovani, anche i più piccoli, all'arte, alla storia, alla cultura attraverso momenti ludici e di manualità; un'esperienza nuova dove il Museo diventa spazio di sperimentazioni attive per educare, divertendo, anche al gusto della percezione artistica.

Vengono proposti cinque percorsi animati e narrativi all'interno del Museo dove gli ambienti e i materiali conservati ispirano storie che verranno narrate nel chiostro.

Il martedì: … ti racconto una favola

Il mercoledì : Tutti al mare!

Il Giovedì: Fatti un selfie al Museo

Il Venerdì:.. Che meraviglia! Ho scoperto un tesoro (rosso)

Il sabato: Oggi si va a caccia”!

Il percorso si concluderà con un laboratorio creativo nel quale i ragazzi si cimenteranno in una rappresentazione grafica o nella costruzione di un oggetto con l'assemblaggio di materiali diversi.

Destinatari

Bambini e ragazzi dai 4 ai 14 anni che frequentano i Grest estivi, suddivisi in gruppi omogenei per età (max 25 a giornata).

Tempi

Le attività proposte avranno la durata di tre ore, a partire dalle ore 9.00

Contributi

€ 3.00 a partecipante a partire da un minimo di 17 ;

se il numero dei partecipanti è inferiore a 17, contributo complessivo di €50.00.

In giornate da definire mini corso di acquerello in tre incontri per scoprire i modi di usare il pennello, e l’acqua!


Per info 3455689045 oppure 338 3841753

amicimuseopepoli@live.it

...ti racconto una favola

I bambini saranno accolti nel chiostro esterno del Museo da una operatrice museale che racconterà loro una storia “fantastica” sul Museo Pepoli e darà a ciascun bambino degli ornamenti da indossare per la grande festa che si svolgerà all’interno. All’ingresso del Museo, accolti da una musica incantevole, saranno raggiunti dalla principessa Pepolina che li coinvolgerà in un viaggio fantastico dentro le sale, attraverso un laboratorio-spettacolo all’interno del quale i bambini diverranno attori-protagonisti. Dopo aver invano cercato il Conte nelle sale, ricche di gioielli, vasi, presepi artistici e altri oggetti di gran pregio, scendendo dallo scalone magnifico, la principessa riaccompagna a piano terra i suoi ospiti per il gran ballo: ad attenderli non ci sarà il Conte ma solo la sua carrozza. Ma attenzione!!! Davanti la carrozza la principessa scorge una scatola ed una busta…. Che ci sarà mai nella scatola? Tanti gioielli per i bambini e nella busta l’invito del conte a fare festa senza la sua presenza. Alla fine del ballo dietro la carrozza, si vedranno tanti fogli legati ad un filo, proprio come se la carrozza avesse una coda. Non appena i disegni verranno colorati, tutta l’allegra compagnia per incanto partirà per un bel viaggio con meta da inventare. I bambini verranno costantemente stimolati a prendere decisioni, a diventare protagonisti di azioni teatrali e ad interloquire con l’animatrice, al fine di vivere l’eccezionale dimensione di un Museo che per un giorno si trasformerà in luogo d’incanto.

Tutti al mare!

I partecipanti, dopo essere stati accolti nel chiostro, troveranno una barca ed un operatore che, dopo aver fatto rivivere loro la storia del piccolo marinaio, li inviterà ad intraprendere un viaggio alla scoperta dei tesori che il mare custodisce. Pescheranno pesci e corallo e, di ritorno a riva, troveranno un corallaro che comprerà il loro pescato e mostrerà loro come lavora il corallo. I bambini avranno in regalo delle sagome con disegni di oggetti in corallo presenti nelle sale e saranno invitati a creare loro stessi collane ed altri gioielli con piccoli elementi in pasta (simulanti il corallo) che potranno indossare e portare via. Nelle sale dei coralli proveranno a ritrovare i veri oggetti riprodotti nelle sagome che hanno avuto in dono e dopo saranno sollecitati a colorare i disegni. Dopo un breve intervallo, i bambini troveranno nella sala didattica dei fogli bianchi o riproducenti pesci, corallo e il fondo marino, che potranno colorare a loro piacimento.

Fatti un selfie al Museo

I ragazzi saranno accolti dall’operatore didattico che presenterà l’edificio museale e introdurrà l’argomento dell’itinerario didattico, oggetto della visita, favorendo l’interazione con i giovani.
L’operatore inizierà il percorso all’interno delle sale e si soffermerà sui ritratti. Solleciterà i partecipanti ad osservare la posa, lo sguardo, l’acconciatura, l’abito e lo sfondo ei personaggi. Chiederà, inoltre, di esprimere dei pareri riguardo all’espressione e allo stato d’animo dei personaggi. Si solleciteranno paragoni con i tempi attuali, facendo emergere differenze e similitudini tra le tecniche pittoriche e i nuovi supporti fotografici. Oltre a fornire informazioni sul personaggio ritratto e sulla figura dell’artista, verrà analizzata la tecnica utilizzata invitando i giovani allievi a riconoscere le differenze di stile e composizione rispetto alle opere visionate precedentemente.
Nel chiostro i ragazzi realizzeranno, su un cartoncino, il loro ritratto prendendo spunto da un selfie o una foto. I giovani decoreranno il lavoro con tecniche e materiali differenti (matite colorate, pennarelli, tempere, colla, carta velina, ritagli di giornali, ecc..), ispirandosi alle opere osservate durante la visita.

Che meraviglia: ho scoperto un tesoro tutto rosso …

I ragazzi saranno accolti dall’operatore didattico che presenterà l’edificio museale e introdurrà l’argomento dell’itinerario didattico, oggetto della visita, favorendo l’interazione con i giovani.
L’operatore davanti al pannello maiolicato proveniente dalla chiesa di Santa Lucia, ex chiesa dei corallai, mostrerà le barche utilizzate anticamente per la pesca del corallo e la riproduzione dell’ingegno. Descriverà quindi le fasi della lavorazione, dalla pulitura alla realizzazione in bottega degli oggetti e guiderà, nella sala 23, alla scoperta del prezioso tesoro rosso del Museo Pepoli.
Verrà fornito a ciascun partecipante la riproduzione di un dettaglio ingrandito relativo ad un oggetto in corallo custodito nel Museo; i giovani allievi dovranno ricercare il manufatto e riportarne i dati essenziali
Nell’aula didattica saranno distribuite agli allievi alcune sagome di oggetti del Museo che dovranno decorare a loro piacimento, riproducendo quanto visto o inventando nuovi originali motivi decorativi. I giovani allievi ricreeranno a loro volta in maniera originale i gioielli e i manufatti in corallo, già precedentemente visionati, utilizzando i materiali svariati.

Oggi si va a “caccia”!

I ragazzi saranno accolti dall'operatore didattico che fingendo di avere smarrito il suo cane li inviterà ad aiutarlo nella ricerca. Il percorso ha inizio nella Sala capitolare, dove l'operatore presenterà il portale di San Giuliano, nel quale è rappresentato il Santo con il falcone mentre, a cavallo, va a caccia di un cervo. Nel corso dell’incontro i ragazzi saranno continuamente stimolati ad interloquire con l’operatore e a riferire di loro esperienze, ricordi e di quant’altro, nel loro vissuto, abbia attinenza con gli animali. Il percorso proseguirà nelle sale del museo, “a caccia di animali”, attraverso un gioco interattivo e degli esercizi didattici, al fine di stimolare la curiosità e lo. Nella sala 14 sarà analizzato il presepe in materiali marini e verranno altresì osservate le scene di vita che esso contiene, la grande caccia al cinghiale, gli animali esotici e quant’altro sia pertinente al percorso. Nel chiostro sarà distribuito materiale eterogeneo (colori, stoffe, carta, cartoncino, pasta colorata …) e gli allievi saranno invitati a realizzare in gruppo o singolarmente una rappresentazione grafico-pittorica o scultorea di un animale o di un’opera in cui è rappresentato, precedentemente scelta.